Segui aleefedeit su Twitter

Casentino: l’anello di Fiumicello

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Articolo letto 6736 volta/e


Il secondo giorno in quel del Parco delle Foreste Casentinesi è stato dedicato ad un piacevole giro ad anello partendo dallo sperduto paese di Fiumicello, nella Valle del Rabbi. Prima però è bene aprire una parentesi relativa all’alloggio che abbiamo scelto per questo weekend, ovvero l’Agriturismo La Montanara. La struttura è in posizione isolata e tranquilla, poco sopra Portico di Romagna, dotata di camerette con accesso indipendente e di un ottimo ristorante attento anche all’alimentazione vegetariana e priva di glutine. Il nostro soggiorno è coinciso con la “Serata dello Spiedone” dove la carne l’ha fatta da padrone, ma Ale ha potuto gustare comunque una buona cenetta. Inoltre accettano senza problemi i cani.

La mattina di domenica, dopo un breve trasferimento in auto, siamo partiti alla scoperta di questo nuovo itinerario, accompagnati da un’altra gradevole giornata di sole.

fiumicello foreste casentinesi

Il sentiero 307 risale un pendio boscoso in maniera costante e senza strappi, attraversando antiche recinzioni poste a protezione dei pascoli.

fiumicello foreste casentinesi

In breve il sentiero raggiunge l’alpeggio di Pian di Mezzano, dove si trasforma in un’ampia mulattiera circondata da cespugli di rosa canina.

rosa canina casentino

Si prosegue in cresta, sullo spartiacque che divide la valle di Fiumicello da quella di Corniolo, oltrepassando suggestivi boschi in veste tardo autunnale.

autunno casentino

Giunti nei pressi del Passo della Braccina si svolta a sinistra sul sentiero 309, immergendoci nuovamente nel fitto del bosco fino a Fiumicello, che raggiungiamo dopo un totale di 5 ore di cammino.

fiumicello casentino funghi

Percorso assolutamente da consigliare, in ambiente remoto e solitario.

Questa la galleria:

This entry was posted on lunedì, dicembre 5th, 2011 at 09:15 and is filed under Gallerie, News. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can leave a response, or trackback from your own site.

Lascia un commento