Segui aleefedeit su Twitter

Islanda 2009: l’ovest

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Articolo letto 4592 volta/e


Islanda 2009: l’ovest

Visto che il gesso al braccio destro mi impedirà ancora per qualche tempo di scattare foto, proseguo la pubblicazione delle “vecchie” foto del più bel viaggio della nostra vita, ovvero il giro dell’Islanda del giugno 2009. In questo articolo ripropongo alcuni scatti dell’est dell’isola, visitato nei primi 3 giorni. Ricordo che anche allora ero infortunato per una contusione alla tibia destra che aveva generato un vasto ematoma e che la settimana prima del viaggio l’avevo praticamente passata a farmi “siringare” al Pronto Soccorso. 2 giorni prima della partenza le possibilità di farcela erano sotto il 50%, ma poi… ^_^. In queste foto è possibile vedere:

  • La zona della cascata più alta d’Islanda (Glymur), dove abbiamo fatto il primo trekking godendo le vedute sul fiordo Hvalfjordur.
  • I paesaggi della penisola di Snæfellsnes, dove Jules Verne ha ambientato il suo celebre Viaggio al centro della Terra e io ho perso il mio prezioso cavalletto Manfrotto.
  • Il porto di Stykkisholmur, dal quale siamo partiti per una crociera nell’arcipelago di isolette antistanti e abbiamo mangiato frutti di mare crudi appena pescati.
  • La penisola di Vatnsnes e i suoi cavalli, e il pernottamento al bellissimo ostello di Osar, vicino ad una colonia di foche.
This entry was posted on domenica, luglio 25th, 2010 at 16:25 and is filed under Gallerie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can leave a response, or trackback from your own site.

One Response to “Islanda 2009: l’ovest”

  1. Licia ha detto:

    Bellissime foto, l’Islanda è davvero un paese che offre molte emozioni.

Lascia un commento