Segui aleefedeit su Twitter

Islanda 2009: l’est

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Articolo letto 7092 volta/e


Islanda 2009: l’est

A 5 giorni dalla data prevista di eliminazione del gesso dal mio polso fratturato, pubblico quest’altra galleria del nostro viaggio più bello: quello che abbiamo organizzato lo scorso anno nella splendida Islanda. In questo capitolo sono riuscito a perdere un secondo cavalletto, di quelli che si acquistano a bordo strada dai polacchi, eliminando così le possibilità future di fare scatti alle cascate con tempi lunghi :-(. Il tragitto si è svolto quasi integralmente sulla Ring Road, che proprio in questo tratto mantiene parecchi km di sterrato e passa poco distante dalla zona dei fiordi, nell’interno. Il meteo si è dimostrato clemente e ci ha concesso parecchie ore di sole e temperature gradevoli. Da non perdere:

  • Una visita all’incantevole zona di Borgarfjordur, raggiungibile con una divertete strada sterrata di montagna, per visitare la colonia di pulcinella di mare di Hafnarholmi, alla quale abbiamo già dedicato un intero articolo qui.
  • Una deviazione al villaggio di pescatori di Seydisfjordur, il suo magnifico fiordo e i facili percorsi naturalistici che risalgono alle molte cascate nelle vicinanze.
  • La cascata di Hengifoss, raggiungibile con un breve trekking, della quale si dice che “the waterfall is as loud as a taking off Boeing 757“.
  • Hofn “la capitale dell’aragosta”. Non perdetevi un pasto proprio qui.
This entry was posted on sabato, luglio 31st, 2010 at 16:13 and is filed under Gallerie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can leave a response, or trackback from your own site.

Lascia un commento